Cosa fare e cosa non fare con l'Aceto Balsamico

Cosa fare e cosa non fare con l'Aceto Balsamico

Cosa fare e cosa non fare con l'Aceto Balsamico

 

Chi si è sbizzarrito con un aceto balsamico di buona qualità sa che non c'è nient'altro di simile a questo mondo. Esplosivamente saporito. Intenso. Riccamente dolce. Vellutato.

Sì. Tutto questo in una goccia di uno degli elisir più ricercati al mondo.
A questo si aggiunge il fatto che è invecchiato fino a 50 anni, e non c'è da meravigliarsi che l'aceto balsamico di fascia alta costi così tanto.
Se hai intenzione di spendere belle cifre per l'aceto balsamico, allora dovresti assolutamente sapere come usarlo e come non usarlo. Sono regole intransigenti? No. L'unica regola ferrea del cibo è: se ti piace, goditela. Ma ci sono certamente delle linee guida stabilite dagli esperti da cui tutti possiamo imparare.

 

Tradizionale vs Non-Tradizionale

Innanzitutto, alcune informazioni di base. Il sapore dell'aceto balsamico, come il vino, migliora con l'età fino a raggiungere l'età minima in cui può essere etichettato come "tradizionale" - 12 anni in botte. Ma…anche come il vino, esistono in commercio altri aceti balsamici perfettamente utilizzabili e molto gustosi, ma più giovani. Dopotutto, potrebbe piacerti il ​​vino d'annata da $ 90, ma ci sono anche alcuni vini da tavola da $ 12 davvero buoni là fuori.

Solo per essere chiari, in questo articolo andremo a parlare dell'Aceto Balsamico Tradizionale, alimento che è stato collaudato dalla prova del tempo.

Cosa non fare

Se l'aceto balsamico è così meraviglioso, perché dovrebbe esserci una sezione "Cosa non fare"? Bene, perché alcune ricette richiedono il lievito in polvere anziché il bicarbonato di sodio? Perché non è tutto ricoperto di sciroppo di cioccolato quando il cioccolato è così buono? Perché la cucina è in parte chimica. Gli elementi di un ingrediente interagiscono con elementi di un altro ingredienti e talvolta creano combinazioni che non funzionano granchè bene oppure hanno sapori davvero eccezionali. È questo il caso dell'aceto balsamico.

  • Non usarlo sulla carne marinata. Non è particolarmente lusinghiero né per il sapore della carne né per l'aceto.
  • Non usarlo quando il processo di cottura esporrà l'aceto a calore eccessivo. L'aceto si sfalderà e perderà il suo sapore glorioso.
  • Non usarlo su tutto. È un gusto davvero unico. Non annegare tutto nel piatto del balsamico. 

Cosa fare

 La buona notizia dell'aceto balsamico è che ha un sacco di utilizzi.

  • Schiaccia un avocado e mescolalo con del buon balsamico e otterrai un condimento super cremoso;
  • Usalo come aroma finale. Che si tratti di verdure o carne, il balsamico brilla quando il suo sapore non è stato surriscaldato. Se vuoi usarlo per rifinire un filetto di maiale o un bel risotto, aggiungilo subito aver finito la cottura. Aggiungi circa un cucchiaino a persona;
  • Fatelo risplendere su formaggi piccanti, frutta e bacche di stagione o dessert cremosi. Fai risaltare i bellissimi contrasti.
  • Controlla se un'azienda produce aceti balsamici "tradizionali" e non tradizionali. Se producono un tradizionale, anche i loro non tradizionali saranno buoni, anche se non saranno invecchiati così a lungo. Approfitta quando trovi quel tipo di qualità in un'azienda e acquista lì.

    Gelato. Bevande fredde. Panna cotta. Pesche estive. Meloni maturi. La lista dei posti coi quali utilizzare l'aceto balsamico sembra infinita.

    "Old Town Olive"

    Torna al blog

    Lascia un commento